ATTIVITÀ

SECONDA IMPRESA: COSA NE PENSIAMO?

Cos’è la diversità? La diversità è avere o essere qualcosa al di fuori da ciò che è considerato, dalla società “normale” cioè avere qualcosa di speciale, perchè è pur sempre un dono anche se ad occhi esterni sembra qualcosa di brutto, in realtà c’è sempre una parte positiva, qualcosa che ti rende unico. Non si giudica mai un libro dalla sua copertina! Ma cosa significa essere diversi? Essere diversi, la maggior parte delle volte, significa essere esclusi, soffrire, rimanere soli e ad alcune persone non cambia, piace stare nella propria intimità; ma le persone che invece hanno bisogno dell’affetto di qualcun altro? Per loro è terribile, non è giusto e allora perchè dovrebbero restare in disparte per la loro diversità?

Quando siamo andate a visitare l’associazione Insieme è Bello ci siamo divertite tantissimo, non solo perchè ci siamo sentite incluse, ma perchè è stato bello vedere come si prendevano cura uno dell’altro, si volevano bene anche perchè sono persone di cui nessuno si cura, solitamente, e la cosa fantastica è che sono persone magnifiche ma nessuno, per loro diversità, se ne accorge.

Per le persone nella Valle di Ezechiele, la situazione è diversa, le persone escluse hanno fatto qualcosa e per questo la società ha paura di loro oppure, pensa che si sono meritate la loro situazione e quindi non li vogliono aiutare, questo porta ad una società chiusa con una mentalità non aperta, nella quale non ci si preoccupa degli altri quindi non si é altruisti.

Alla nostra età è una tematica difficile di cui parlarne, tendiamo a stare col gruppo e quindi essere gregari ,a escludere il diverso, ma perchè lo facciamo? Forse perchè vogliamo essere qualcuno, essere considerati, senza pensare a chi non può essere incluso proprio per il nostro comportamento. Già la parola diversità è da mentalità chiusa, perchè la nostra società dice: “Questo è diverso” al posto di: “Questo è speciale”?

Noi volpi con questo articolo, invitiamo tutti dai più piccoli ai più grandi, a prendersi cura delle persone che hanno intorno, anche se sembra che vogliano stare da sole. Siate altruisti, partite dalle persone che non avete mai considerato, fate piccoli passi, un “Come stai?” anche se non ricevete risposta ma almeno un passo l’avete fatto. Chiedetevi perchè queste persone sono escluse e riflettete sulla risposta che vi date.

-squadriglia volpi

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.